La vostra bocca a posto in poche ore


Quello che mi ha sempre colpito nelle terapie mediche, fin da quando oltre tre decenni fa ho cominciato ad occuparmene, è il loro protrarsi nel tempo, spesso senza preoccuparsi più di tanto delle condizioni in cui si lascia il paziente tra un intervento ed un altro.

Se per alcuni tipi di cure ciò è praticamente inevitabile, in odontoiatria si è sempre in grado di mettere il paziente in condizioni presentabili, e di permettergli una vita di relazione del tutto normale.

Perché quando una persona decide di accedere alle cure dentali, spesso dopo anni di incertezze e tentennamenti oppure a causa di situazioni impreviste come i traumi, ciò che desidera di più è di risolvere la questione estetica e funzionale subito, recuperando un bel sorriso ed una reale capacità di usare i denti per mangiare, efficacemente e senza preoccupazioni.

I protocolli operativi che ormai da anni adotto sono quindi quelli di concentrare le cure in un solo giorno, lavorando spalla a spalla con i miei collaboratori, e di posizionare a fine intervento una protesi fissa che ridoni immediatamente una estetica ed una funzionalità ottimali.


  Situazione Iniziale                                                Dopo poche ore 

 Il paziente, che entra al mattino in studio lamentando problemi in una bocca di solito ‘impresentabile’, esce nel pomeriggio con un sorriso spesso invidiabile: è ormai fonte di grande soddisfazione professionale lo stupore dei parenti che attendevano in sala d’aspetto e che si ritrovano davanti una persona ‘diversa’.

La cosa è resa possibile dal team operativo, composto da odontoiatri che si occupano ciascuno di una branca specifica: la dottoressa Vania Albo di devitalizzazioni e ricostruzioni, Barbara Papini ed Elisa Arconti di conservativa e ortodonzia, Chiara Pecorini di igiene dentale.

Io personalmente curo la parte implantare e di protesi.



  Situazione Iniziale                                                                Dopo poche ore 

La procedura:

esaminato il caso e valutate le cure da effettuare, si rilevano le impronte delle arcate dentarie per preparare i provvisori, che saranno quindi già pronti il giorno dell’intervento.

Il paziente viene prelevato all’hotel all’ora stabilita ed accompagnato allo studio, dove si comincia la terapia con le otturazioni e le devitalizzazioni, alle quali segue la preparazione dei denti e l’aggiustamento delle protesi, e poi la parte chirurgica, con le estrazioni e il posizionamento degli impianti.

E’ quasi sempre possibile inserire protesi provvisorie fisse perché, anche nei casi in cui tutti i denti di una arcata dovessero essere estratti, se ne possono di solito mantenere alcuni che sosterranno la protesi provvisoria fin quando gli impianti saranno pronti per essere usati come appoggi. Solo a questo punto si toglieranno i denti che erano rimasti.

Tale metodica evita il passaggio dalla fase di ‘carico immediato’ che consiste nel mettere i denti immediatamente sugli impianti. Procedura sperimentatissima, ma che comporta comunque un piccolo aumento percentuale di perdita degli impianti stessi.



  Situazione Iniziale                                                                Dopo poche ore 

Lo stress di un intervento più lungo del solito viene contenuto ricorrendo alla sedazione cosciente: l’anestesista somministra al paziente farmaci che conducono ad uno stato di grande tranquillità ed imperturbabilità, anche se in piena coscienza.

La procedura viene attuata direttamente alla poltrona dello studio dentistico: al termine della terapia vengono poi somministrati antidolorifici ed antiinfiammatori che assicurano un periodo postoperatorio privo di dolore e gonfiore: il paziente non ricorda precisamente la durata delle cure né i particolari della chirurgia, ritenendo di solito che il tutto si sia svolto in tempi molto più brevi di quelli reali, senza che abbia percepito niente di ‘invasivo’

realizzazione grafica: studio (yogurt) - powered by Sinte

Video

il Dott. Francini Naldi è ospite di varie
trasmissioni televisive

visualizza tutti i filmati >